17/02/2010

Welcome and goodbye

Posted in Their Words tagged , , at 21:49 by M

Per ciò che non dissi
per ciò che non so compitare
per le anime spente dei fanciulli
per quella Lesbo infinita
io cantai una compagna
ardente nell’amore
e festosa nei riti eleusini.
Per quella compagna che cominciò
il mio canto
e che parla di morte nell’amore
continuerò a dire che la vita è una festa
e che la festa brucia gli impostori.

Advertisements

27/12/2009

Risposte

Posted in Their Words tagged , , at 14:10 by M

Quando
La notte è a svanire
Poco prima di primavera
E di rado
Qualcuno passa

Su Parigi s’addensa
Un oscuro colore
Di pianto

In un canto
Di ponte
Contemplo
L’illimitato silenzio
Di una ragazza
Tenue

Le nostre
Malattie
Si fondono

E come portati via
Si rimane.

22/12/2009

Collage – Life of Pi

Posted in Their Words tagged , , , , , , at 17:54 by M

I have nothing to say of my working life, only that a tie is a noose, and inverted though it is, it will hang a man nonetheless if he’s not careful.

Non ho nulla da dire sulla mia vita professionale, salvo che una cravatta è un cappio, e anche se capovolto, impiccherà un uomo comunque se non sta attento.

But I learned at my expense that Father believed there was another animal even more dangerous than us, and one that was extremely common, too, found on every continent, in every habitat: the redoubtable species Animalus anthropomorphicus, the animal as seen through human eyes. We’ve alla met one, perhaps even owned one. It is an animal that is “cute”, “friendly”, “loving”, “devoted”, “merry”, “understanding”. These animals lie in ambush in every toy store and children’s zoo. Countless stories are told of them. They are the pendants of those “vicious”, “bloodthirsty”, “depraved” animals that inflame the ire of the maniacs I have just mentioned, who vent their spite on them with walking sticks and umbrellas. In both cases we look at an animal and see a mirror. The obsession with putting ourselves at the centre of everything is the bane not only of theologians but also of zoologists.

Ma imparai a mie spese che il Padre pensava esistesse un altro animale ancora più pericoloso di noi [sott. uomini], uno che perdipiù era estremamente diffuso, in ogni continente e in ogni ambiente: la temibile specie dell’Animalus anthropomorphicus, l’animale visto attraverso lo sguardo dell’uomo. Tutti ne abbiamo incontrato uno, forse ne abbiamo anche posseduto uno. E’ un animale che è “adorabile”, “amico”, “affettuoso”, “fedele”, “allegro”, “comprensivo”. Questi animali stanno in agguato in ogni negozio di giocattoli e zoo per bambini. Infinite storie si raccontano su di loro. Sono i corrispettivi degli animali “crudeli”, “assetati di sangue”, “depravati” che infiammano le ire dei maniaci appena menzionati [prima del brano riportato], i quali danno sfogo al loro rancore su di loro con bastoni da passeggio e ombrelli. In entrambi i casi guardiamo un animale e vediamo uno specchio. L’ossessione di metterci al centro di tutto è la rovina non solo dei teologi ma anche degli zoologi.

20/12/2009

Emily

Posted in Her/His Words, Their Words tagged , , at 13:54 by M

Some say goodnight – at night –
I say goodnight by day –
Goodbye – the Going utter me –
Goodnight, I still reply –
For parting, that is night,
And presence simply dawn –
Itself, the purple on the hight
Denominated morn.

Life of Pi

Posted in Their Words tagged , , , at 13:23 by M

The reason death sticks so closely to life isn’t biological necessity – it’s envy. Life is so beautiful that death has fallen in love with it, a jealous, possessive love that grabs at what it can. But life leaps over oblivion lightly, losing only a thing or two of no importance, and gloom is but the passing shadow of a cloud.

La ragione per cui la morte si aggrappa così forte alla vita non è necessità biologica – è invidia. La vita è tanto bella che la morte si è innamorata di lei, di un amore geloso, possessivo, che ghermisce tutto quel che raggiunge. Ma la vita scivola sull’oblio con leggerezza, perdendo solo una cosa o due di poco conto, e la malinconia è solo l’ombra gettata da una nuvola di passaggio.